Verbale del tavolo tecnico del 24/02/21 con il Comune di Verona

Proposte per utilizzo dell'imposta di soggiorno
 

In data 20 febbraio 2021 l’Assessore ai Tributi e Turismo ha invitato le associazioni di categoria maggiormente rappresentative dei titolari delle strutture ricettive a partecipare al tavolo tecnico  previsto  dall’art. 1 comma 1bis del Regolamento dell’Imposta di Soggiorno che recita “ Ogni anno la Giunta Comunale stabilirà che una quota del gettito dell’imposta sia  destinata ad interventi in materia di turismo proposti dalle associazioni maggiormente rappresentative dei titolari delle strutture ricettive. Entro il 28 febbraio di ciascun anno le associazioni  maggiormente rappresentative potranno richiedere un tavolo tecnico con l’Amministrazione Comunale al fine di presentare tali  proposte d’intervento.”

In data 24 febbraio 2021 alle ore 17.00   si è tenuto in videoconferenza il tavolo tecnico al quale hanno partecipato :

Per l’Amministrazione:

Assessore  Francesca Toffali             ( Bilancio e Tributi e Turismo)

Barbara Lavanda                               (Dirigente U.O. Tributi Accertamento Riscossioni)

Marta Colpo                                       (Responsabile Servizio Imposta di Soggiorno) Associazioni di Categoria :

 Associazione FIAIP VERONA                                ( Barbara Cusano)

 Associazione CONFINDUSTRIA                           ( Barbara Baschirotto)

 Associazione CONFCOMMERCIO                         (Paolo Tosi  e Paolo Caldana )   

Associazione B&B                                                   (Rudi Milazzo e  Fabio Fraccaroli)

Confesercenti                                                           (Costantino Mazzabò)

Cooperativa Albergatori Veronesi

 (Verona Booking)                                               ( Alessandro Tapparelli e  Daniel Frank)

Federalberghi                                                         (Giovanni Zenatello )

 Associazione Locatori Turistici Verona                   (Edoardo Nestori )

Introduce l’Assessore  ricordando la drammaticità, sotto tutti gli aspetti, dell’anno 2020 e in particolare nell’ambito del turismo . Anche per il 2021 le premesse non sono positive, in quanto la maggior parte degli esercizi sono chiusi, ma si cercherà di gestire al meglio la situazione.

Nel 2020 la quota prevista dall’art. 1bis del Regolamento Imposta di Soggiorno è stata destinata agli allestimenti scenici e alla promozione di Verona ultimando il progetto “Verona Città dell’Opera /Capitale internazionale dell’Opera”.

 Nel 2020 il gettito ufficioso dell’imposta di soggiorno si aggira ad un milione di euro (non essendoci il rendiconto i dati non possono essere precisi) e pertanto ben lontano dalla previsione di Euro 5.000.000,00 che permetteva di valorizzare la quota del citato art. 1bis del   Regolamento in Euro 250.000/300.000. Si evidenzia inoltre che solamente nel Regolamento del Comune di Verona è prevista la destinazione di una quota del gettito dell’imposta su interventi proposti dalle associazioni di categoria in ambito turistico.

L’Assessore, in veste anche di Assessore al Turismo, comunica che la Camera di

Commercio ha inviato una bozza di protocollo per utilizzare al meglio il sito “VISIT VERONA”  che purtroppo non ha avuto modo di crescere stante il suo lancio in piena pandemia. Si intende avere una visione più ampia e organica programmando una promozione dell’intero territorio e non solo della città.

Interviene Associazione B&B, Sig. Fraccaroli Fabio, chiedendo l’ammontare dei ristori dello Stato a seguito della minor entrata di imposta di  soggiorna e segnala l’importanza di collaborare tutti assieme per una promozione dell’intero territorio (città d’arte, Valpolicella, Garda ecc.) .

L’Assessore replica comunicando che si sono aperte molte collaborazioni per una visione d’insieme del territorio anche tra le due DMO. Il Comune ha avuto un ristoro all’incirca di 4 milioni di euro più 1 milione di riscosso, ricorda inoltre che il ristoro è arrivato verso la fine dell’anno e servirà per contribuire alla creazione di quell’avanzo che si andrà successivamente a certificare.

Il Comune di Verona ha introitato con i ristori quello che aveva riscosso nel 2019.

L’Assessore comunica però che nel 2020 vi sono state maggiori spese in particolare e per esempio nel settore culturale i cui musei sono rimasti aperti senza avere incassi dalla biglietteria con tutte le spese relative .

Interviene Associazione FIAIP che definisce positivo riunire il territorio ma solleva la problematica dei trasporti  e chiede che il Comune dia più informazioni .

L’Assessore comunica che è in corso di programmazione un laboratorio di idee e persone per individuare dei temi specifici e uno è proprio dedicato al tema dei trasporti al fine di capire come possano i  i turisti  spostarsi all’interno del territorio di Verona.

Per quanto riguarda le comunicazioni delle chiusure stabilite dal Governo attualmente è impossibile dare delle informazioni certe, anche per il Comune non è possibile per esempio programmare e sapere quante persone potrà contenere l’Arena.

Associazioni Locatori Turistici Verona : interviene chiedendo la restituzione dell’imposta di soggiorno versata dai gestori nell’anno 2020 .

Dirigente Settore Tributi replica comunicando  che il soggetto passivo dell’imposta è il turista e non il gestore della struttura, infatti il gestore riscuote l’imposta dal turista per poi versarla al Comune. La restituzione dell’imposta al gestore della struttura oltre che essere illegittima, si configura anche come danno erariale . L’Amministrazione potrebbe dare dei ristori ma con forme diverse.

L’Assessore  In aprile/maggio si voterà il rendiconto dell’anno 2020 e si verificherà l’eventuale avanzo.

Il Comune di Verona è una grande azienda complessa che nel 2020 ha avuto minori entrate per 58 milioni  determinate a luglio 2020 e che l’avanzo di amministrazione del 2019 di 35 milioni di euro è stato utilizzato per assestare il bilancio comunale (33 milioni) e  per i fondi di povertà (2 milioni) .

Nel 2021 certificheremo sicuramente un avanzo relativo all’anno 2020, ma prudenzialmente dovremmo attendere luglio 2021 per la verifica degli equilibri secondo il rispetto o meno delle previsioni di entrata dell’anno 2021. Per l’imposta di soggiorno si è previsto un’entrata di Euro 2.700.000 ma molto probabilmente questa entrata non si realizzerà e si dovrà pertanto utilizzare l’avanzo.

Per legge l’avanzo può essere usato per la costituzione del fondo perdite delle società partecipate del Comune. Il Comune dovrà infatti accollarsi in quota parte le perdite delle sue società partecipate in quota parte rispetto alla quota detenuta.

I nostri motori sono l’Ente Fiera, la Fondazione Arena e l’Areoporto, quindi dovremmo prima di tutto rivolgere a loro le nostre risorse, anche in riferimento non solo alle perdite, ma ad eventuali aumenti di capitale.

Associazioni Locatori Turistici Verona : l’imposta di soggiorno è un contributo alla cassa comunale

l’Assessore  ribadisce che l’interpretazione del dott. Nestori è sbagliata in quanto le spese sostenute per il solo spettacolo superano ampiamente il milione di euro riscosso a titolo di imposta di soggiorno  che è entrato nelle casse generali del Comune ma che è stato rivolto al settore cultura\turismo.

Associazioni Locatori Turistici Verona : solleva la problematica degli accessi alla ZTL

dei  soggiornanti nelle locazioni turistiche ubicate nel centro storico e se l’obiettivo sia di aumentare il turismo in città  si dovrà dare la possibilità alle famiglie dei turisti di entrare in ZTL.

Interviene Associazione FIAIP : precisa che pur essendo coinvolti nella criticità degli accessi in ZTL hanno posto la questione nelle sedi opportune e competenti.

Confcommercio :  precisa  che il tavolo è riunito per la destinazione della quota del gettito dell’imposta di soggiorno  e in merito al tema il Comune di Verona si riporta a quello che accade sul territorio nazionale  ovvero che in molte città  non permettono l’entrata delle auto nel centro storico alle persone che  alloggiano in locazioni turistiche.

Associazioni Locatori Turistici Verona : il soggiornante ha il diritto di entrare in ZTL.

 

Assessore interviene ricordando che questa problematica non riguarda questo tavolo

tecnico  e di attenersi solamente all’ordine del giorno.

Federalberghi :  in linea con quanto indicato dall’Assessore e propone che qualsiasi fosse la cifra da destinare sia ancora a favore della Fondazione Arena sperando che possa andare in scena anche quest’anno.  Propone che le associazioni di categoria si stringano attorno a Fondazione Arena e Fiera e di distribuire la disponibilità economica parti concordate a questi due Enti.

Il dott. Franco comunica che l’11 marzo 2021 si terrà la Fiera di Berlino  e la promozione di destinazione a Verona e il cavallo di battaglia sarà rappresentato proprio dall’Arena. Concorda di sostenere i due pilastri   Fondazione Arena e Ente Fiera .

Camera di Commercio  : in linea con l’Assessore per la destinazione unica, a disposizione per sostenere i 3 motori fondamentali per lo sviluppo della città . La Camera di Commercio si è fatta parte attiva per la ripartenza e lo sviluppo economico della città e del territorio  stanziando un’ingente somma (circa 30 milioni di Euro) sul progetto RIVER.  Un progetto di sviluppo per far tornare e incrementare i turisti e poter lavorare sul territorio, quest’anno concentrato sul turismo su gomma mentre l’anno prossimo sull’aereoporto.

Assessore  conferma la partecipazione del Comune e l’avanzo che si andrà a

certificare servirà per queste azioni e per non andare in dissesto.

Chiede ai partecipanti di operare, al di là della cifra da individuare, che  i maggiori aiuti possibili  siano nei confronti dei  2 motori di reddito Fondazione Arena e Ente Fiera di Verona.

Confindustria: chiede avanzi per l’organizzazione della promozione

Assessore  assicura che l’obiettivo, per quanto è nelle capacità dell’Amministrazione e non solo della quota percentuale dell’imposta di soggiorno che è esigua, è il sostegno alla Fiera, Fondazione Arena e la promozione del territorio. Le associazioni riceveranno un invito ad una cool per sviluppare i temi di promozione del territorio. Sarà un appuntamento tecnico mensile con un tema specifico e una scaletta d’interesse, con un mediatore e soprattutto con interventi programmati .

Verona booking : rappresenta la difficoltà di programmazione e rilevazione dei flussi turistici.  Mette a disposizione uno strumento che condivide tutti i dati su un’unica piattaforma e analizzando questi dati si vede il flusso in tempo reale.

Associazione B&B:  collaborazione fra i Comuni della Provincia di Verona convogliando tutti i siti  su VISIT VERONA .

Assessore : in studio bozza di utilizzo del sito VISIT VERONA  da aprire e condividere e della tipologia di accordo al fine che diventi un sito di promozione di tutto il territorio.

Il tavoro tecnico si chiude alle ore 18.15