Turismo fermo

I locatori chiedono aiuto al sindaco
 

Sono soggetti alla medesima tassazione di una qualsiasi attività commerciale, vengono interpellati in diversi tavoli del settore ricettivo, e nel periodo nero dell'edilizia hanno favorito il boom delle ristrutturazioni immobiliari, contribuendo alla ripresa del comparto. Eppure, sono ancora considerati figli di un dio minore. Un’etichetta spesso difficile da sostenere, per i locatori turistici di Verona, specie ora che al drammatico impatto della pandemia si sommano i sacrifici di una ripartenza fiacca - troppo per ambiti strategici come il turismo - e con scarsissime prospettive di margine.

Motivo per cui gli oltre 200 associati di Locatur Verona hanno preso carta e penna, indirizzando il proprio grido di aiuto al primo cittadino Federico Sboarina e all’Assessore ai Tributi Francesca Toffali.

Quattro le istanze proposte per risollevare il già compromesso settore, e tutte le famiglie che vi stanno dietro. A snocciolarle è il presidente dell’associazione di categoria Edoardo Nestori, che in prima battuta chiede la sospensione dell'imposta sui rifiuti (Tari) per tutto il tempo del lockdown, 9 marzo -18 maggio. Richiesta giustificata dal fatto che, analogamente ai “cugini” hotel e b&b, «in questa finestra le strutture locatizio-turistiche non hanno ricevuto alcun ospite, pertanto non hanno potuto produrre alcun genere di immondizia». Essendo, inoltre, tuttora fermi, a causa dei blocchi territoriali, sia nazionali che esteri, «chiediamo pure la sospensione del canone “speciale” della Tari imposto alle locazioni turistiche (in ciò assimilate a esercizi commerciali), e che quest'ultima venga riformulata nella versione residenziale fino a fine 2020».

Tra le righe, ciò che la categoria rivendica è un più puntuale inquadramento giuridico, compito questo del legislatore regionale, in quanto «non essendo qualificabili né come strutture ricettive alberghiere né extralberghiere, cosa che ci preclude anche la possibilità di erogare diversi servizi tipicamente turistici (la prima colazione, il cambio lenzuola, e persino la messa a disposizione di carta igienica e di mappe cittadine), di fatto siamo esposti a non pochi problemi pratici e interpretativi», spiega Nestori, rimarcando che «se ad essere piagati dal virus sono stati tutti gli operatori economici,

in una provincia ad alta vocazione turistica come quella scaligera, a pagare lo scotto maggiore è proprio la nostra filiera». Nel locatizio-turistico in particolare, «a fronte di cento cancellazioni contiamo appena quattro prenotazioni. Per non farci sfuggire anche quei pochi visitatori che quest'estate decideranno di soggiornare nella bella Verona, un altro segnale atteso dall’amministrazione, oltre al ribasso simbolico della tassa di soggiorno a 1 euro, è dunque il ripristino dell'accesso gratuito alla Ztl.  Almeno per il tempo utile a scaricare i bagagli», conclude il presidente dei locatori turistici, «che data l'attrattiva ormai creata anche dalla nostra attività, dovrebbero essere consìderati strutture ricettive non solo negli oneri, ma anche nei diritti».