Il bollino che certifica la regolarità

Nuova iniziativa dell'associazione per il rispetto delle norme
 

C'è l'iniziativa. L'Associazione locatori turistici veronese, che rappresenta proprietari e geston di strutture per l'ospitalità, si doterà di un logo adesivo, con «QR code» identificativo che attesti la registrazione all'anagrafe regionale. C'è anche la proposta con rilancio: Imu (Imposta municipale propria) azzerata per gli affitti a canone agevolato a chi abbia meno di 35 anni, «per limitare l'effetto Airbnb con politiche attive e non coi divieti», spiega Tommaso Ferrari, per il movimento civico Traguardi. Una sorta di riequilibrio del mercato delle locazioni. «Metodo per indurre una competizione "sana" in un sistema cui gli affitti sono schizzati a livelli improponibili, soprattutto per i giovani». L'aliquota risulta già agevolata ma azzerarla «aprirebbe una nuova prospettiva». «La nostra idea è semplice: se il Comune azzera l'Imu per gli appartamenti dati in affitto a canone agevolato con contratti pluriennali, a giovani under 35, il risparmio può rendere vantaggioso scegliere questa formula di affitto rispetto all'apertura dell'ennesima locazione turistica», spiega Massimo Babbi, ex revisore dei conti del Comune e tesoriere di Traguardi. «A tutto vantaggio». aggiunge, «dei giovani veronesi, che ora per uscire di casa sí devono confrontare con un mercato degli affitti altissimo». Considerazione valida sia per il centro («L'obiettivo è evitare l'effetto Venezia'», chiosa Ferrari) che per i quartieri limitrofi. «Rinunciando a una piccola parte del suo gettito, il Comune otterrebbe due vantaggi: rispondere ai bisogni dei cittadini e attuare finalmente una seria politica contro lo spopolamento di alcuni rioni». Quanto alle risorse per compensare il minore introito, spiegano gli esponenti di Traguardi, «esse potrebbero essere ricavate da una potenziata azione di recupero dell'evasione di Imu e Tasi, oltre che dalle sanzioni per scorretto smaltimento dei rifiuti e violazioni del Codice della Strada». Sull'altro fronte, quello dell'Associazione locatori turistici, il presidente Edoardo Nestori sottolinea: «Noi contrastiamo l'abusivismo fornendo a tutti i nostri associati tutte le informazioni che necessitano per svolgere la locazione turistica nel pieno del rispetto delle norme. Perciò abbiamo predisposto per i nostri associati questo adesivo QR, una certificazione a tutela dei turisti a certificare come l'immobile sia regolarmente registrato». In arrivo infatti un «censimento» delle locazioni turistiche veronesi, che sarà condotto da Confcommercio e Comune. « Iniziativa che sarà un segnale positivo per l'amministrazionc e la Polizia locale, a conferma del nostro sostegno nella lotta contro l'abusivismo che danneggia soprattutto strutture. come le nostre (2.500 operatori, ndr) che operano secondo le leggi» osserva Nestori, auspicando il coinvolgimento al protocollo d'intesa tra Confcommercio e Comune, «per verificare " a quattro mani ' la situazione delle locazioni turistiche e di tutte le attività alberghiere ed l'extra"». Sull'altro fronte «ma non in contrapposizione», la proposta di Traguardi. «In una città con affitti sempre più alti e un centro storico che rischia lo spopolamento, serve sostenere la residenzialità», spiega Ferrari: «Aiutando una fascia di persone dimenticata e mettendo d'accordo gli interessi di chi cerca casa con quelli dei proprietari». «La proposta cardine di Traguardi per il 2020 resta il "bilancio partecipativo": 500 mila euro l'anno per progetti proposti e votati dai cittadini», aggiunge il segretario Giacomo Cona. «Abbiamo raccolto idee, trasformandole in proposte: dalle politiche sociali, con aiuti alle famiglie in difficoltà e interventi nelle zone più esposte al degrado, alla lotta al gioco d'azzardo». Si comincia dalla casa. Scommessa al rialzo con una tassa da azzerare.

da L'Arena del 26/02/2020