Coronavirus, a Verona 300 posti letto per medici ed infermieri

Ma in provincia le strutture sono meno, serve solidarietà
 

“Abbiamo raccolto l’adesione di 82 strutture - spiega Simone Lucchi, uno dei soci fondatori di Locatur, associazione dei locatori turistici - Per ora siamo riusciti a sistemare 32 tra medici e infermieri, qualcuno ha pianto dalla felicità". Ma le richieste continuano a crescere e non tutte le aree sono coperte allo stesso modo.

La battaglia al coronavirus si combatte negli ospedali. Ma per tanti medici e infermieri, all’impegno psicofisico della corsia si aggiunge il problema di trovare un alloggio sicuro. Non è un problema che riguarda solo il personale sanitario fuori sede, richiamato da tutta Italia nelle regioni più colpite, ma anche i residenti che non vogliono mettere a rischio i familiari. Succede anche a Verona, per molti il prossimo fronte critico dell’emergenza coronavirus in Veneto, dove per far fronte al problema si è attivata l’Associazione dei locatori turistici: “Abbiamo raccolto l’adesione di 82 strutture che al momento offrono oltre 300 posti letto”, spiega Simone Lucchi, uno dei soci fondatori di Locatur. “Per ora siamo riusciti a sistemare 32 tra medici e infermieri. Tutti erano contentissimi del servizio offerto, molti di loro si sono messi a piangere al telefono quando hanno capito di aver risolto almeno questo problema, in un momento in cui le difficoltà si moltiplicano”.

In città rimangono ancora molti posti liberi, ma si tratta di quelli più distanti dagli ospedali, mentre le sistemazioni più vicine alle strutture sanitarie sono già esaurite. E poi c’è il problema della provincia: “Ora tantissime richieste stanno arrivando da San Bonifacio e Legnago, dove si trovano due ospedali che trattano i pazienti Covid-19”, continua Lucchi. Nell’area, che non ha una vocazione turistica, le strutture sono poche, e l’associazione non è in grado di intercettare tutta l’offerta. “Per questo rinnoviamo l’appello a mettere a disposizione una camera o un appartamento. Anche i privati, o i gestori che non sono soci di Locatur, sono ovviamente i benvenuti”.

Locatur è un’associazione che riunisce chi affitta stanze o appartamenti a Verona senza fornire servizi extra. “Siamo 200 soci, ma in tutta la provincia le strutture sono più di 2.000, e ora sono inutilizzate. Per questo abbiamo pensato di lanciare una gara di solidarietà”. Da una parte c’è il collegamento con le Ulls territoriali, che comunicano all’associazione le richieste di medici e infermieri in arrivo a Verona e la necessità di posti letto nelle vicinanze della struttura ospedaliera di riferimento. Tramite il sito di Locatur, invece, chiunque può segnalare la disponibilità di camere o appartamenti: per farlo basta compilare un questionario online, reperibile dall’homepage, e specificare il tipo di alloggio, le sue caratteristiche e l’intervallo di tempo in cui sarà disponibile.

L’affitto è gratuito, su questo non si discute, mentre lasciamo la possibilità di chiedere un rimborso spese”. Per ora, dice Lucchi, quasi tutte le strutture che hanno risposto all’appello lo hanno fatto in maniera totalmente gratuita. Rimane solo il problema della sanificazione finale: “Una ditta specializzata fornirà il servizio a prezzo di costo e per coprire la spesa abbiamo chiesto al comune di stanziare un piccolo contributo”. Negli ultimi giorni, nota infine Lucchi, sono aumentate le richieste dei locali: “Tanti medici e infermieri veronesi non possono o non vogliono stare insieme ai familiari per paura di esporli al contagio. Nelle prossime settimane questo fenomeno crescerà in tutta Italia: speriamo che la nostra iniziativa possa essere d’esempio”.

 dal sito de Il fatto quotidiano

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/03/31/coronavirus-a-verona-300-letti-in-albergo-per-medici-e-infermieri-ma-in-provincia-le-strutture-sono-meno-serve-solidarieta/5754629/